Archive for the ‘Preparativi’ Category

Si parte!

25 maggio 2011

Let’ go!

Annunci

Premesse

24 maggio 2011

Il Cammino di Santiago in bicicletta si puo’ percorrere in 2 modi: su strada oppure sul sentiero originale che fanno a piedi i pellegrini. Io ho scelto il secondo, proprio perche’ non ero interessato a un viaggio qualsiasi in bici. Detto questo, sappiate che per fare questo percorso e’ necessaria una mountain bike e soprattutto una buona dose di forza di volonta’ e allenamento. Arrivare invece a Santiago De Compostela attraverso le strade comuni (quelle percorse dalle auto tanto per intenderci) e’ meno complicato, meno faticoso ed in tal caso e’ consigliata una bici da strada.

Fare il percorso originale significa percorrere un sentiero nato e organizzato per chi si muove camminando, quindi con salite e discese a volte impossibili da fare pedalando, con cancelli e strettoie che obbligano a scendere dalla sella, e tutta una serie di piccoli dettagli che sulle decine di km al giorno alla fine si fanno sentire.

Seconda e ultima premessa: il mio modo di viaggiare e’ MIO e questo blog non vuole essere una guida ma una sorta di diario di viaggio da cui il lettore che vuole intraprendere un’avventura simile puo’ eventualmente prenderne qualche spunto e consiglio. Le tappe da me scelte lungo il percorso raramente coincidono con quelle della massa dei pellegrini, anzi: evito appositamente i posti piu’ affollati, preferisco quando possibile, mangiare/dormire da solo e in generale godermi la solitudine. Questa e’ una scelta mia personale naturalmente, ma va tenuta in considerazione se chi legge questo blog un domani vorra’ organizzare lo stesso viaggio.

Bicicletta e bagaglio

22 maggio 2011

Ho attrezzato la mia mountain bike per il viaggio con: 2 sacche laterali con tasca superiore (che si appoggiano su un portapacchi appositamente montato), 1 borsello sotto il sellino (con camera d’aria di riserva e piccoli attrezzi), 1 borsello triangolare, 1 porta borraccia, 1 borsa sul manubrio.
Preparerò la bicicletta per il trasporto aereo togliendo la ruota anteriore e imballando il tutto con pluriball e cartone.

Per quanto riguarda invece abbigliamento e gadgets vari, ecco la lista di ciò che porterò con me: 1 sacco piuma leggero, 1 federa copri cuscino, 1 asciugamano piccolo, 1 asciugamano medio ultraleggero, 1 giacca guscio/impermeabile, 1 maglia maniche lunghe da bicicletta wind stopper, 1 felpa leggera in pile, 2 maglie tecniche maniche lunghe, 2 magliette maniche corte ultraleggere, 1 paio di pantalocini corti da bici, 1 paio di pantaloncini corti ultraleggeri, 1 paio di pantaloni lunghi leggeri, 3 mutande, 3 paia di calzetti, 1 cappellino wind stopper, 1 bandana leggera, 1 paio di scarpe da ginnastica, 1 paio di sandali (Crocs), 1 marsupietto igiene orale, 1 marsupietto piccoli attrezzi e medicine, 1 paio guantini da bici, 1 paio di occhiali da sole, 1 coltellino multiuso, 1 orologio, 2 torce piccole, 1 marsupio/portafogli, 1 agendina/diario, 1 catena piccola con lucchetto per bici, 1 iphone con caricabatterie e auricolari, 1 notebook con caricabatterie, 2 libri.
Ho cercato di ridurre al minimo il bagaglio, seguendo anche i consigli e le indicazioni che ho trovato nei forum online: tutto ciò che ho elencato qui sopra trova posto nelle sacche laterali sulla bicicletta. In questo modo non avrò peso sulle spalle e la pedalata sarà più comoda.

– 3 giorni alla partenza: è tutto pronto, aggiornerò il blog dal Cammino!

Dettagli di viaggio

17 maggio 2011

La difficoltà principale nell’organizzazione del viaggio è stata trovare il modo per arrivare in tempi ragionevoli a St. Jean Pied de Port, ovvero il punto di partenza originale del Cammino di Santiago. Molti raggiungono questa piccola località del sud della Francia con il treno: da Milano sono necessarie 10 ore e mezza (via Parigi) oppure 13 ore (via Ginevra) per giungere a Bayonne, da dove partono diversi autobus e treni che in circa 1 ora portano a St. Jean Pied de Port.

Dopo varie ricerche su siti web e forum di viaggiatori, ho trovato la soluzione per me ideale: partirò il 25 maggio 2011 con un volo Ryanair da Bologna alle 15:55 e arriverò a Bordeaux (Francia) alle 17:50. Da qui ripartirò con un treno (già prenotato su questo sito) alle 19:04 e arriverò a Bayonne alle 20:46. Volo di sola andata con bagaglio speciale (bicicletta) e assicurazione: 105 euro. Lì cercherò un autobus oppure in alternativa dormirò a Bayonne e la mattina seguente alle 8:18 prenderò un treno che mi porterà in 1 ora e 15 minuti a St. Jean Pied de Port (orari treni su questo sito), dove finalmente monterò in sella!

Il viaggio di ritorno è molto più semplice in quanto da Santiago de Compostela c’è un volo diretto Ryanair per Orio al Serio (Bergamo-Milano). Ho già acquistato il biglietto, datato 10 giugno 2011, ore 20:10, arrivo previsto per le 23:00. Volo di sola andata con bagaglio speciale (bicicletta) e assicurazione: 138 euro.

Ora mi sto organizzando per attrezzare bene la bicicletta, ridurre al minimo l’equipaggiamento (vestiti, libri, ecc) e per l’imballaggio/trasporto del mio mezzo a due ruote (qui alcune info utili a riguardo). Nei prossimi giorni pubblicherò un post a riguardo.

– 8 giorni alla partenza: non vedo l’ora di essere on the road! 


Introduzione

10 maggio 2011

Non ho mai viaggiato in bici, ma da sempre mi affascinano quei bikers intrepidi che ogni tanto si incontrano per strada, con enormi sacche montate sui lati, vestiti consumati e una bandierina che sventola indicandone la provenienza. E’ una delle figure che più mi trasmette il senso di Libertà! Li ho sempre ammirati con stima e simpatia.
Così da anni anch’io avevo in mente un viaggio in bicicletta, in solitaria, tranquillo. La ricerca e la scelta dell’itinerario non è stata difficile: lo storico Cammino di Santiago è tutto ciò che cercavo. Anzi, di più!

Meta di un particolare turismo religioso e non solo che viene compiuto a piedi, in bicicletta, a cavallo e comunque senza mezzi di locomozione a motore, camminando principalmente per strade di campagna con l’unica meta di giungere a Santiago de Compostela presso la tomba dell’Apostolo San Giacomo (Santiago). Andare per strade o semplici vie campestri significa misurarsi con l’inclemenza del clima, con la bellezza del paesaggio e con le sorprese che un uomo può incontrare nell’andare a piedi verso una meta lontana. Per questa ragione vanno subito fissate delle indicazioni precise: 1) Chi va al Cammino di Santiago non è un eroe e neppure una persona fisicamente dotata in modo particolare; 2) Il Cammino di Santiago non deve essere affrontato come un “c’ero anche io” (è praticato da migliaia di pellegrini all’anno); 3) Va tenuto presente che ci sono da percorrere non meno di 30 Km al giorno per molti giorni e che quindi occorre una certa preparazione fisica.

Io non sono credente, non percorrerò quindi questa strada per devozione, ricerca spirituale o penitenza verso un luogo considerato sacro. La percorrerò come “spettatore” e semplice viaggiatore, rispettando naturalmente la sua storia e la sua sacralità. Percorrerò questi 900 km in bicicletta, nell’arco di 15 giorni, senza seguire un programma di viaggio dettagliato. A differenza dei miei viaggi precedenti, questa volta ho deciso di non coinvolgere sponsor e partner: voglio dedicarmi al 100% all’Andare! Non assicuro infatti un aggiornamento costante del blog, che sarà comunque completato se non durante il viaggio in un secondo momento. La data di partenza è fissata per il 25 maggio. I prossimi giorni inserirò informazioni e dettagli sui preparativi, utili per altri viaggiatori interessati a questa avventura.

(fonte testo in corsivo: viaggiatorionline.com)